Partenze

trenovaporecastagnemarradiQuando da bambino ti accorgi che attorno a te, oltre ai giocattoli, sono spuntati un pianoforte, un basso Meazzi, una chitarra elettrica Eko, qualche volta appare una batteria Hollywood, poi un Hammond L100, un piano elettronico Crumar seguito da un organo GEM e un piano elettrico Rhodes, una cassa per basso da 100w Marshall rossa, arrivata da Londra sul portapacchi di una Simca 1000 targata MI A16873; sulla fonovaligia stereo di Selezione e sul magnetofono Castelli le Fiabe Sonore dei Fratelli Fabbri sono state soppiantate da In-A-Gadda-Da-Vida e Atom Heart Mother, Very Heavy Very Humble e Demons And Wizards, Led Zep I e II, Pictures At An Exibhition e Tarkus, This Was e Thick As A Brick, Genesis Live e Paranoid, The Crazy World Of Arthur Brown, Live Cream, Lady Soul, White Album, Close To The Edge, Machine Head e Made In Japan; quando il massimo del sentirsi “grandi” è scendere in cantina per sentire come suonano forte i ragazzi del “complesso” ed essere mal sopportato perché giù ci sono anche le ragazze e tu hai solo 10 anni e sei troppo piccolo per vedere certe cose, “che poi magari le racconti a casa”; quando caparbiamente tenti di imitare quello che hai sentito sui dischi e passi ore a riascoltare sempre gli stessi dieci secondi in cui quel demonio suona qualcosa che non riesci a capire e ogni volta ti alzi dal piano, sollevi il braccio del giradischi, lo posi con impazienza su quel punto maledetto, che dopo ore di insistenza si sta inesorabilmente deteriorando fino a diventare inascoltabile e lì la puntina d’ora in poi salterà sempre; ecco, a quel punto cominci a pensare che la musica rappresenterà molto probabilmente qualcosa di importante nella tua vita, tra ossessione ed estasi, incubo e sogno, molestia e libidine, depressione ed euforia,  conflitto e complicità, solitudine e condivisione.
È per questo che la strage di musicisti a cui stiamo assistendo da cinque o sei anni a questa parte, musicisti che hanno rappresentato un bel pezzo di storia della musica del dopoguerra, soprattutto dagli anni Sessanta in poi, quando il rock, in tutte le sue forme e correnti, ha invaso le nostre case dalla radio, ma, soprattutto, dagli impianti stereo più o meno costosi e sofisticati, ci lascia basiti, stupefatti e anche un po’ irritati. Non a caso molti di loro sono settantenni, nati in quegli anni Quaranta che rappresentano una sorta di generazione aurea per la musica che verrà di lì a poco.
Restiamo increduli perché non pensavamo possibile che i nostri eroi idealizzati come invincibili ribelli, geni creativi irrefrenabili, potessero morire a un’età banale come settant’anni, in un letto d’ospedale, con la flebo al braccio come un qualsiasi malato terminale: gli eroi se ne vanno giovani, ventenni, bruciando in fretta, un attimo di incandescenza, un lampo e via, spenti. Oppure vecchissimi, come il Dustin Hoffman del Piccolo Grande Uomo, incartapecorito, ma con mille storie, mille avventure da raccontare e tramandare.
Partirsene a settant’anni, senza preavviso, senza biglietto, al buio, come clandestini, è uno sfregio a noi che li abbiamo ammirati, seguiti, venerati, appesi alle pareti delle nostre stanze, difesi dai detrattori e, talvolta, messi da parte per poi recuperarli anni dopo durante nostalgiche fasi di revival.
E poi, come si permettono? Con sé si portano via anche un pezzo della nostra vita, il pezzo più bello, fresco, rorido, denso di aspettative, speranze, sogni.
Lasciandoci più soli e disperati.

Giulio Cancelliere

Partiti nel 2010
James Moody, sassofonista e flautista statunitense (n. 1925)
Roberto Pregadio, compositore, pianista e direttore d’orchestra italiano (n. 1928)
Lelio Luttazzi, attore, cantante e direttore d’orchestra italiano (n. 1923)
Hank Jones, pianista e compositore statunitense (n. 1918)
Peter Van Wood, chitarrista, cantante e astrologo olandese (n. 1927)
Herb Ellis, chitarrista statunitense (n. 1921)
Nicola Arigliano, cantante e attore italiano (n. 1923)
Ronnie James Dio, cantautore statunitense (n. 1942)
Abbey Lincoln, cantante, compositrice e attrice statunitense (n. 1930)
Oscar Avogadro, paroliere, cantante e compositore italiano (n. 1951)
Solomon Burke, cantante statunitense (n. 1940)
Remo Germani, cantante italiano (n. 1938)
Gregory Isaacs, cantante giamaicano (n. 1951)
Captain Beefheart, cantante, musicista e pittore statunitense (n. 1941)
Teddy Pendergrass, cantante, paroliere e compositore statunitense (n. 1950)
Malcolm McLaren, produttore discografico e cantante britannico (n. 1946)
Lena Horne, cantante, attrice e danzatrice statunitense (n. 1917)
Gepy & Gepy, cantante, compositore e produttore discografico italiano (n. 1943)
Ben Keith, musicista e produttore discografico statunitense (n. 1937)
Bruno De Filippi, musicista e compositore italiano (n. 1930)
Bill Dixon, musicista, compositore e educatore statunitense (n. 1925)

Partiti nel 2011
Mick Karn, musicista cipriota (n. 1958)
Gerry Rafferty, cantautore scozzese (n. 1947)
Poly Styrene, cantante e musicista britannica (n. 1957)
Gil Scott-Heron, poeta e musicista statunitense (n. 1949)
Paul Motian, batterista, compositore e musicista statunitense (n. 1931)
Gary Moore, chitarrista e cantante britannico (n. 1952)
Hubert Sumlin, chitarrista e cantante statunitense (n. 1931)
Dobie Gray, cantante e cantautore statunitense (n. 1940)
Cesária Évora, cantante capoverdiana (n. 1941)
George Shearing, pianista e compositore britannico (n. 1919)
Pinetop Perkins, pianista statunitense (n. 1913)
Bob Brookmeyer, trombonista, compositore e pianista statunitense (n. 1929)
Joe Morello, batterista statunitense (n. 1928)
Sam Rivers, sassofonista, polistrumentista e compositore statunitense (n. 1923)
Clarence Clemons, sassofonista statunitense (n. 1942)
Alan Rubin, trombettista statunitense (n. 1943)

Partiti nel 2012
Ravi Shankar, musicista e compositore indiano (n. 1920)
Lucio Dalla, musicista, cantautore e attore italiano (n. 1943)
Scott McKenzie, cantante statunitense (n. 1939)
Dave Brubeck, pianista e compositore statunitense (n. 1920)
Robin Gibb, cantante, compositore e arrangiatore mannese (n. 1949)
Etta James, cantante statunitense (n. 1938)
Joe Byrd, musicista statunitense (n. 1933)
Bob Welch, musicista statunitense (n. 1945)
Franco Ceccarelli, musicista e produttore discografico italiano (n. 1942)
Lucia Mannucci, cantante italiana (n. 1920)
Nico Tirone, cantante italiano (n. 1944)
Levon Helm, batterista, cantante e attore statunitense (n. 1940)
Giorgio Consolini, cantante italiano (n. 1920)
Éric Charden, cantante, cantautore e scrittore francese (n. 1942)
Jon Lord, compositore, pianista e organista britannico (n. 1941)
Alida Chelli, attrice e cantante italiana (n. 1943)
Earl Scruggs, suonatore di banjo, chitarrista e compositore statunitense (n. 1924)
Doc Watson, cantautore e chitarrista statunitense (n. 1923)
Pete Cosey, chitarrista statunitense (n. 1943)
Terry Callier, chitarrista e cantautore statunitense (n. 1945)
Huw Lloyd-Langton, chitarrista inglese (n. 1951)
Arvid Andersen, bassista inglese (n. 1945)
Donald Dunn, bassista, produttore discografico e cantautore statunitense (n. 1941)
Bob Birch, bassista statunitense (n. 1956)
Lee Dorman, bassista statunitense (n. 1942)
Ronnie Montrose, chitarrista statunitense (n. 1947)
Lucio Quarantotto, cantautore e compositore italiano (n. 1957)

Partiti nel 2013
Alvin Lee, chitarrista, cantante e compositore britannico (n. 1944)
Richie Havens, cantante e chitarrista statunitense (n. 1941)
Bob Brozman, chitarrista e musicista statunitense (n. 1954)
Georges Moustaki, paroliere e cantante greco (n. 1934)
Little Tony, cantante e attore sammarinese (n. 1941)
Bobby Bland, cantante e musicista statunitense (n. 1930)
Valerio Negrini, musicista e paroliere italiano (n. 1946)
George Jones, cantautore e musicista statunitense (n. 1931)
Massimo Catalano, musicista, trombettista e personaggio televisivo italiano (n. 1936)
Armando Trovajoli, pianista, compositore e direttore d’orchestra italiano (n. 1917)
Bebo Valdés, pianista e compositore cubano (n. 1918)
Ray Manzarek, pianista statunitense (n. 1939)
George Duke, pianista, tastierista e produttore discografico statunitense (n. 1946)
Cedar Walton, pianista e compositore statunitense (n. 1934)
Roger LaVern, musicista britannico (n. 1938)
Pino Massara, musicista, compositore e produttore discografico italiano (n. 1931)
J.J. Cale, cantautore e musicista statunitense (n. 1938)
Pete Haycock, musicista e compositore britannico (n. 1951)
Yusef Lateef, musicista e compositore statunitense (n. 1920)
Enzo Jannacci, cantautore, cabarettista e attore italiano (n. 1935)
Franco Califano, cantautore, paroliere e produttore discografico italiano (n. 1938)
Piero Finà, cantautore e scrittore italiano (n. 1942)
Corrado Castellari, cantautore e compositore italiano (n. 1945)
Gipo Farassino, cantautore, attore e politico italiano (n. 1934)
Tony Sheridan, cantautore e chitarrista britannico (n. 1940)
Kevin Ayers, cantautore, chitarrista e bassista inglese (n. 1944)
Peter Banks, chitarrista britannico (n. 1947)
Jackie Lomax, cantante e chitarrista britannico (n. 1944)
Oscar Castro-Neves, chitarrista, arrangiatore e compositore brasiliano (n. 1940)
Philip Chevron, chitarrista e cantante irlandese (n. 1957)
Lou Reed, cantautore, chitarrista e poeta statunitense (n. 1942)
Jim Hall, chitarrista statunitense (n. 1930)
Roberto Ciotti, chitarrista italiano (n. 1953)
Claudio Rocchi, cantautore, bassista e conduttore radiofonico italiano (n. 1951)
Jimmy Fontana, cantautore, contrabbassista e attore italiano (n. 1934)
Nic Potter, bassista britannico (n. 1951)
Trevor Bolder, bassista britannico (n. 1950)
George Gruntz, tastierista e compositore svizzero (n. 1932)
Donald Byrd, trombettista statunitense (n. 1932)

Partiti nel 2014
Dennis Frederiksen, cantante statunitense (n. 1951)
Shirley Temple, attrice, cantante e ballerina statunitense (n. 1928)
Freak Antoni, cantautore, scrittore e poeta italiano (n. 1954)
Francesco Di Giacomo, cantante italiano (n. 1947)
Massimo Castellina, fisarmonicista e cantante italiano (n. 1970)
Bambi Fossati, cantante, compositore e chitarrista italiano (n. 1949)
Gerry Goffin, paroliere e cantante statunitense (n. 1939)
Horace Silver, pianista e compositore statunitense (n. 1928)
Johnny Winter, chitarrista e cantante statunitense (n. 1944)
Dick Wagner, chitarrista e cantante statunitense (n. 1942)
Peret, cantante spagnolo (n. 1935)
John Gustafson, bassista e cantante britannico (n. 1942)
Tim Hauser, cantante, produttore discografico e arrangiatore statunitense (n. 1941)
Jack Bruce, musicista, compositore e cantante scozzese (n. 1943)
Jimmy Ruffin, cantante statunitense (n. 1936)
Alfredo Cohen, cantante e attore italiano (n. 1942)
Bobby Keys, sassofonista statunitense (n. 1943)
Udo Jürgens, cantante austriaco (n. 1934)
Joe Cocker, cantante britannico (n. 1944)
Carlo Bergonzi, tenore italiano (n. 1924)
Alessandro Centofanti, musicista, tastierista e pianista italiano (n. 1952)
Mango, cantautore, musicista e scrittore italiano (n. 1954)
Joe Lala, attore, doppiatore e musicista statunitense (n. 1947)
Giorgio Gaslini, compositore, direttore d’orchestra e pianista italiano (n. 1929)
Joe Sample, pianista e compositore statunitense (n. 1939)
Renato Sellani, pianista italiano (n. 1926)
Davide Santorsola, pianista e compositore italiano (n. 1961)
Jesse Winchester, cantautore e musicista statunitense (n. 1944)
Gennaro Petrone, musicista e compositore italiano (n. 1958)
Bruno Aragosti, musicista e arrangiatore italiano (n. 1924)
Mario Costalonga, musicista italiano (n. 1932)
Bobby Womack, cantautore e chitarrista statunitense (n. 1944)
Manitas de Plata, chitarrista francese (n. 1921)
Ronny Jordan, chitarrista britannico (n. 1962)
Paco de Lucía, chitarrista e compositore spagnolo (n. 1947)
Pete Seeger, cantautore e compositore statunitense (n. 1919)
Aldo Donati, cantautore, attore e conduttore televisivo italiano (n. 1947)
Bob Crewe, cantautore e produttore discografico statunitense (n. 1931)
Ian McLagan, tastierista, polistrumentista e cantautore britannico (n. 1945)
Charlie Haden, contrabbassista statunitense (n. 1937)
Glenn Cornick, bassista britannico (n. 1947)
Kenny Wheeler, trombettista e compositore canadese (n. 1930)
Paul Horn, flautista e sassofonista statunitense (n. 1930)

Partiti nel 2015
Kim Fowley, cantante, musicista e produttore discografico
Edgar Froese, musicista tedesco (n. 1944)
Percy Sledge, musicista e cantante statunitense (n. 1940)
James Last, musicista, compositore e direttore d’orchestra tedesco (n. 1929)
Dieter Moebius, musicista svizzero (n. 1944)
Giancarlo Golzi, batterista, musicista e paroliere italiano (n. 1952)
Allen Toussaint, musicista, compositore e produttore discografico statunitense (n. 1938)
Lemmy Kilmister, cantante, musicista e compositore britannico (n. 1945)
 B.B. King, chitarrista e cantante statunitense (n. 1925)
Marco Tamburini, trombettista e compositore italiano (n. 1959)
Anna Marchetti, cantante italiana (n. 1945)
Jim Diamond, cantante britannico (n. 1951)
Franzl Lang, cantante tedesco (n. 1930)
Natalie Cole, cantante statunitense (n. 1950)
Demis Roussos, cantante e bassista greco (n. 1946)
Maurizio Arcieri, cantante, attore e compositore italiano (n. 1942)
Marisa Del Frate, cantante, attrice e showgirl italiana (n. 1931)
Steve Strange, cantante britannico (n. 1959)
Inezita Barroso, cantante, attrice e compositrice brasiliana (n. 1925)
Daevid Allen, chitarrista, cantante e compositore australiano (n. 1938)
Rodolfo Maltese, chitarrista, trombettista e compositore italiano (n. 1947)
Pino Daniele, cantautore e chitarrista italiano (n. 1955)
John Renbourn, chitarrista e compositore britannico (n. 1944)
Chris Squire, bassista britannico (n. 1948)
Mike Porcaro, bassista statunitense (n. 1955)
Andy Fraser, bassista inglese (n. 1952)
Louis Johnson, bassista e produttore discografico statunitense (n. 1955)
Ben E. King, cantautore statunitense (n. 1938)
John Trudell, attivista, cantautore e attore statunitense (n. 1946)
Andraé Crouch, compositore, cantautore e produttore discografico statunitense (n. 1942)
John Taylor, pianista e compositore britannico (n. 1942)
Aldo Ciccolini, pianista italiano (n. 1925)
Ornette Coleman, sassofonista e compositore statunitense (n. 1930)
Phil Woods, sassofonista statunitense (n. 1931)
Steve Mackay, sassofonista statunitense (n. 1949)
Clark Terry, trombettista e compositore statunitense (n. 1920)

Partiti nel 2016
Vanity, cantante, attrice e modella canadese (n. 1959)
Michel Delpech, cantante francese (n. 1946)
Black, cantante britannico (n. 1962)
Paul Kantner, cantante statunitense (n. 1941)
David Bowie, cantautore, polistrumentista e attore inglese (n. 1947)
Giorgio Gomelsky, imprenditore, produttore discografico e compositore georgiano (n. 1934)
Glenn Frey, cantautore, musicista e attore statunitense (n. 1948)
Maurice White, cantautore, musicista e produttore discografico statunitense (n. 1941)
Naná Vasconcelos, musicista brasiliano (n. 1944)
Keith Emerson, tastierista, pianista e compositore britannico (n. 1944)
Paul Bley, pianista canadese (n. 1932) (continua)

The Wall: il muro di Roger Waters al cinema

WatersTheWall_POSTER_100x140_PREVErano passati trent’anni dall’uscita dell’album The Wall (1979), quando Roger Waters, che nel frattempo aveva lasciato i Pink Floyd e aveva intrapreso una carriera solista col repertorio del gruppo (Dark Side, Animals, The Wall) e suo personale, cominciò a pensare a uno spettacolo basato unicamente su quel fortunato concept-album e sul film di Alan Parker uscito nel 1980 interpretato da Bob Geldof. Il risultato fu un tour mondiale di 219 date tra 2010 e 2013 per un totale di 41 milioni e centomila spettatori e circa 460 milioni di dollari d’incasso: un vero record per il tour di un artista solista. Ma non bastava. Bisognava lasciare una testimonianza visiva di uno spettacolo simile, ma dandogli anche una chiave di lettura diversa. Il disco e il film mettevano a fuoco l’isolamento della rockstar (Geldof nella pellicola, ma Waters stesso nella concezione primigenia) e lasciavano sullo sfondo il sistema educativo autoritario britannico — fino a pochi anni fa prevedeva ancora le punizioni corporali — e l’assurdità della guerra come risoluzione delle controversie internazionali.
Il nuovo spettacolo del bassista e cantante inglese, ora anche regista assieme a Sean Evans, filmaker, animatore, già autore degli effetti visuali di The Dark Side Of The Moon Live, ha voluto privilegiare quest’ultimo aspetto attraverso inserti “on the road”, che rappresentano un film nel film.
È noto a molti che Eric Fletcher Waters era tra i soldati alleati sbarcati e caduti ad Anzio nel 1944 quando suo figlio Roger aveva solo cinque mesi. Non tutti sanno, invece, che il nonno di Roger, George Henry, fu ucciso vicino a Calais durante la Prima Guerra Mondiale, quando Eric aveva solo due anni.
È per questa curiosa e tragica coincidenza, due generazioni cresciute orfane per eventi bellici, che Roger Waters ha intrapreso e filmato il suo pellegrinaggio sui luoghi che furono teatro di queste tragedie, in particolare presso il cimitero inglese di Maroeuil nel nord della Francia, dov’è sepolto il nonno e quello di Cassino dove è scolpito il nome di suo padre (il corpo non fu mai trovato), facendosi accompagnare da due amici: Willa Rawlinson, suo compagno di scuola, e il regista di origine ungherese Peter Medak, che racconta come la sua famiglia, dopo essere sfuggita alla furia nazista, dovette scappare anche da quella sovietica. In una breve sequenza compaiono anche i figli di Waters, Jack, India ed Harry (quest’ultimo tastierista nella band del padre), che rendono omaggio all’avo caduto in Italia.
“La paura costruisce muri e causa conflitti” è la tesi fondamentale dello spettacolo, che riprende alcune delle impressionanti animazioni create da Gerald Scarfe per il film di Parker, integrate da altre in 3D — aerei che bombardano il pubblico di simboli politici, religiosi e commerciali, un velivolo in fiamme che precipita dietro il palco — e gli enormi gonfiabili che incombono sulla platea (il maestro sadico di Another Brick, la mamma grottesca di Mother, il maiale nero di Animals che alla fine viene dato in pasto al pubblico).
Un capitolo importante spetta al terrorismo e ai suoi effetti indiretti: una canzone è dedicata a Jean Charles da Silva de Menezes, il giovane brasiliano scambiato per un terrorista (solo perché non aveva la pelle bianca e portava sulle spalle uno zaino) e ucciso da un poliziotto inglese due settimane dopo gli attacchi alla metropolitana di Londra il 22 luglio del 2005. Una morte inutile, assurda e dimenticata.
Non manca, ovviamente, il gigantesco muro, lungo 126 metri e alto 10 che viene montato pezzo per pezzo a vista dagli addetti durante il concerto (lo spettatore cinematografico vive l’operazione anche da dietro le quinte), utilizzato anche come schermo per le proiezioni, che si chiude con l’ultimo mattone dopo l’esecuzione di Goodbye Cruel World, per poi saltare in aria nell’ultima parte dello show.
Le riprese sono state effettuate durante tre serate indoor in un’arena di Atene nel 2011 e lungo tre concerti negli stadi in Argentina e Canada nel 2012. Sono state usate le cosiddette telecamere Red, ad altissima definizione 4k e il suono multicanale è stato mixato in Dolby Atmos.
Il film è decisamente un grande spettacolo multimediale da godersi soprattutto al cinema — o se avete un bell’impianto home-theatre in casa — con momenti toccanti (la commozione di Waters davanti al memoriale di Cassino o quando legge la lettera di un commilitone di suo padre che ne annuncia la morte sembra autentica) ed entusiasmanti per la bravura dei musicisti, tra cui spiccano i chitarristi Snowy White, Dave Kilminster, il veterano G.E. Smith e i coristi Jon Joyce (un solista straordinario) e Pat, Mark, e Kipp Lennon.
Roger Waters si conferma una mente musicale, e non solo, di grande raffinatezza, la cui defezione dai Pink Floyd ne ha decretato la fine inesorabile (i dischi solisti di Gilmour sono dimenticabili e quelli di Mason ancora di più), anche se, pure lui, come gli ex compagni, vive in gran parte di rendita artistica. I Pink Floyd erano fondamentalmente una sua creatura (e di Syd Barrett), ma senza Gilmour, Mason e Wright non sarebbero arrivati così in alto.
Interessante anche il Post Scriptum dopo il concerto: un incontro cordiale (e vagamente alcolico) tra Waters e Nick Mason, che rispondono tra il serio e il faceto alle domande dei fan di tutto il mondo.

 Giulio Cancelliere

Francesco Bearzatti Tinissima 4tet: Monk’n’Roll (CamJazz)

bearzattiÈ una questione generazionale. Quante volte mi è capitato di intervistare jazzisti, soprattutto americani,  che mi dicevano senza problemi  di essere cresciuti con il soul e e il funk ascoltato alla radio. Persino il “purissimo” Wynton Marsalis, come racconta anche nella sua biografia, da ragazzino mostrava velleità da trombettista più veloce del west. E quante volte mi è capitato di intervistare musicisti, soprattutto italiani, che avevano un pudore inspiegabile nel raccontarmi che la musica con cui erano cresciuti era quella degli anni sessanta e settanta, ma non Coltrane o Coleman, ma Led Zeppelin e Grand Funk. Che problema c’è? Se sei nato negli anni Sessanta è inevitabile. Non puoi essere stato allattato da Charlie Parker e tenuto a balia da Max Roach. Finalmente qualcuno esce allo scoperto. I primi segni si stanno vedendo qua e là: Bebo Ferra che suona Satisfaction, ripresa anche con Fresu, Giovanni Falzone che realizza la Led Zeppelin Suite, Mattia Cigalini (altra generazione, altra musica) col suo Beyond riprende le nuove stelline del pop e r ‘n b e Francesco Bearzatti che deflagra letteralmente (sempre che lo ascoltiate su un degno impianto stereo) col suo Monk’n’Roll. Qualche faccia storta l’ho già vista: capisco che innestare Trinkle Tinkle in Back In Black o Blue Monk in My Sharona possa lasciare perplessi, se non sconvolti al limite del mancamento. Tuttavia, credo che l’approccio giusto sia il più semplice: cominciare dall’inizio, da quel Misterioso che, come un fiume carsico, riemerge ogni tanto nel corso dell’ascolto, mescolato a Shine On You A Crazy Diamond dei Pink Floyd, seguito dagli zompi claudicanti di Bemsha Swing sul riff di Another Bites The Dust dei Queen e la spensieratezza furbetta di Bye – Ya adattata al rock’n’roll di Roy Orbison. Da qui si entra in un’arena dove, sotto una gigantesca foto di Thelonious Monk, si agitano i calzoni corti di Angus Young, la cresta bionda di Sting, la bocca gigantesca di Steven Tyler, lo sguardo truce di Lou Reed e quello da clown triste di Michael Jackson. L’aspetto singolare di tutto ciò è che nel quartetto nessuno suona la chitarra, strumento principe del rock, anche se il sax del leader e il basso elettrico di Danilo Gallo, opportunamente effettati, ne assumono il ruolo, assieme alla batteria di Zeno De Rossi, pesante e “dritta” quando serve, raffinata e articolata all’occorrenza. L’impressione che lascia questo album è quello di un gran divertimento che Bearzatti e Falzone (sì, ancora lui che torna sul luogo del delitto) si sono concessi, ma anche di una porta finalmente spalancata da cui le musiche possano passare, incontrarsi, mescolarsi, confrontarsi alla pari, senza pregiudizi. Long Live Monk’n’Roll!

Giulio Cancelliere