Partenze

trenovaporecastagnemarradiQuando da bambino ti accorgi che attorno a te, oltre ai giocattoli, sono spuntati un pianoforte, un basso Meazzi, una chitarra elettrica Eko, qualche volta appare una batteria Hollywood, poi un Hammond L100, un piano elettronico Crumar seguito da un organo GEM e un piano elettrico Rhodes, una cassa per basso da 100w Marshall rossa, arrivata da Londra sul portapacchi di una Simca 1000 targata MI A16873; sulla fonovaligia stereo di Selezione e sul magnetofono Castelli le Fiabe Sonore dei Fratelli Fabbri sono state soppiantate da In-A-Gadda-Da-Vida e Atom Heart Mother, Very Heavy Very Humble e Demons And Wizards, Led Zep I e II, Pictures At An Exibhition e Tarkus, This Was e Thick As A Brick, Genesis Live e Paranoid, The Crazy World Of Arthur Brown, Live Cream, Lady Soul, White Album, Close To The Edge, Machine Head e Made In Japan; quando il massimo del sentirsi “grandi” è scendere in cantina per sentire come suonano forte i ragazzi del “complesso” ed essere mal sopportato perché giù ci sono anche le ragazze e tu hai solo 10 anni e sei troppo piccolo per vedere certe cose, “che poi magari le racconti a casa”; quando caparbiamente tenti di imitare quello che hai sentito sui dischi e passi ore a riascoltare sempre gli stessi dieci secondi in cui quel demonio suona qualcosa che non riesci a capire e ogni volta ti alzi dal piano, sollevi il braccio del giradischi, lo posi con impazienza su quel punto maledetto, che dopo ore di insistenza si sta inesorabilmente deteriorando fino a diventare inascoltabile e lì la puntina d’ora in poi salterà sempre; ecco, a quel punto cominci a pensare che la musica rappresenterà molto probabilmente qualcosa di importante nella tua vita, tra ossessione ed estasi, incubo e sogno, molestia e libidine, depressione ed euforia,  conflitto e complicità, solitudine e condivisione.
È per questo che la strage di musicisti a cui stiamo assistendo da cinque o sei anni a questa parte, musicisti che hanno rappresentato un bel pezzo di storia della musica del dopoguerra, soprattutto dagli anni Sessanta in poi, quando il rock, in tutte le sue forme e correnti, ha invaso le nostre case dalla radio, ma, soprattutto, dagli impianti stereo più o meno costosi e sofisticati, ci lascia basiti, stupefatti e anche un po’ irritati. Non a caso molti di loro sono settantenni, nati in quegli anni Quaranta che rappresentano una sorta di generazione aurea per la musica che verrà di lì a poco.
Restiamo increduli perché non pensavamo possibile che i nostri eroi idealizzati come invincibili ribelli, geni creativi irrefrenabili, potessero morire a un’età banale come settant’anni, in un letto d’ospedale, con la flebo al braccio come un qualsiasi malato terminale: gli eroi se ne vanno giovani, ventenni, bruciando in fretta, un attimo di incandescenza, un lampo e via, spenti. Oppure vecchissimi, come il Dustin Hoffman del Piccolo Grande Uomo, incartapecorito, ma con mille storie, mille avventure da raccontare e tramandare.
Partirsene a settant’anni, senza preavviso, senza biglietto, al buio, come clandestini, è uno sfregio a noi che li abbiamo ammirati, seguiti, venerati, appesi alle pareti delle nostre stanze, difesi dai detrattori e, talvolta, messi da parte per poi recuperarli anni dopo durante nostalgiche fasi di revival.
E poi, come si permettono? Con sé si portano via anche un pezzo della nostra vita, il pezzo più bello, fresco, rorido, denso di aspettative, speranze, sogni.
Lasciandoci più soli e disperati.

Giulio Cancelliere

Partiti nel 2010
James Moody, sassofonista e flautista statunitense (n. 1925)
Roberto Pregadio, compositore, pianista e direttore d’orchestra italiano (n. 1928)
Lelio Luttazzi, attore, cantante e direttore d’orchestra italiano (n. 1923)
Hank Jones, pianista e compositore statunitense (n. 1918)
Peter Van Wood, chitarrista, cantante e astrologo olandese (n. 1927)
Herb Ellis, chitarrista statunitense (n. 1921)
Nicola Arigliano, cantante e attore italiano (n. 1923)
Ronnie James Dio, cantautore statunitense (n. 1942)
Abbey Lincoln, cantante, compositrice e attrice statunitense (n. 1930)
Oscar Avogadro, paroliere, cantante e compositore italiano (n. 1951)
Solomon Burke, cantante statunitense (n. 1940)
Remo Germani, cantante italiano (n. 1938)
Gregory Isaacs, cantante giamaicano (n. 1951)
Captain Beefheart, cantante, musicista e pittore statunitense (n. 1941)
Teddy Pendergrass, cantante, paroliere e compositore statunitense (n. 1950)
Malcolm McLaren, produttore discografico e cantante britannico (n. 1946)
Lena Horne, cantante, attrice e danzatrice statunitense (n. 1917)
Gepy & Gepy, cantante, compositore e produttore discografico italiano (n. 1943)
Ben Keith, musicista e produttore discografico statunitense (n. 1937)
Bruno De Filippi, musicista e compositore italiano (n. 1930)
Bill Dixon, musicista, compositore e educatore statunitense (n. 1925)

Partiti nel 2011
Mick Karn, musicista cipriota (n. 1958)
Gerry Rafferty, cantautore scozzese (n. 1947)
Poly Styrene, cantante e musicista britannica (n. 1957)
Gil Scott-Heron, poeta e musicista statunitense (n. 1949)
Paul Motian, batterista, compositore e musicista statunitense (n. 1931)
Gary Moore, chitarrista e cantante britannico (n. 1952)
Hubert Sumlin, chitarrista e cantante statunitense (n. 1931)
Dobie Gray, cantante e cantautore statunitense (n. 1940)
Cesária Évora, cantante capoverdiana (n. 1941)
George Shearing, pianista e compositore britannico (n. 1919)
Pinetop Perkins, pianista statunitense (n. 1913)
Bob Brookmeyer, trombonista, compositore e pianista statunitense (n. 1929)
Joe Morello, batterista statunitense (n. 1928)
Sam Rivers, sassofonista, polistrumentista e compositore statunitense (n. 1923)
Clarence Clemons, sassofonista statunitense (n. 1942)
Alan Rubin, trombettista statunitense (n. 1943)

Partiti nel 2012
Ravi Shankar, musicista e compositore indiano (n. 1920)
Lucio Dalla, musicista, cantautore e attore italiano (n. 1943)
Scott McKenzie, cantante statunitense (n. 1939)
Dave Brubeck, pianista e compositore statunitense (n. 1920)
Robin Gibb, cantante, compositore e arrangiatore mannese (n. 1949)
Etta James, cantante statunitense (n. 1938)
Joe Byrd, musicista statunitense (n. 1933)
Bob Welch, musicista statunitense (n. 1945)
Franco Ceccarelli, musicista e produttore discografico italiano (n. 1942)
Lucia Mannucci, cantante italiana (n. 1920)
Nico Tirone, cantante italiano (n. 1944)
Levon Helm, batterista, cantante e attore statunitense (n. 1940)
Giorgio Consolini, cantante italiano (n. 1920)
Éric Charden, cantante, cantautore e scrittore francese (n. 1942)
Jon Lord, compositore, pianista e organista britannico (n. 1941)
Alida Chelli, attrice e cantante italiana (n. 1943)
Earl Scruggs, suonatore di banjo, chitarrista e compositore statunitense (n. 1924)
Doc Watson, cantautore e chitarrista statunitense (n. 1923)
Pete Cosey, chitarrista statunitense (n. 1943)
Terry Callier, chitarrista e cantautore statunitense (n. 1945)
Huw Lloyd-Langton, chitarrista inglese (n. 1951)
Arvid Andersen, bassista inglese (n. 1945)
Donald Dunn, bassista, produttore discografico e cantautore statunitense (n. 1941)
Bob Birch, bassista statunitense (n. 1956)
Lee Dorman, bassista statunitense (n. 1942)
Ronnie Montrose, chitarrista statunitense (n. 1947)
Lucio Quarantotto, cantautore e compositore italiano (n. 1957)

Partiti nel 2013
Alvin Lee, chitarrista, cantante e compositore britannico (n. 1944)
Richie Havens, cantante e chitarrista statunitense (n. 1941)
Bob Brozman, chitarrista e musicista statunitense (n. 1954)
Georges Moustaki, paroliere e cantante greco (n. 1934)
Little Tony, cantante e attore sammarinese (n. 1941)
Bobby Bland, cantante e musicista statunitense (n. 1930)
Valerio Negrini, musicista e paroliere italiano (n. 1946)
George Jones, cantautore e musicista statunitense (n. 1931)
Massimo Catalano, musicista, trombettista e personaggio televisivo italiano (n. 1936)
Armando Trovajoli, pianista, compositore e direttore d’orchestra italiano (n. 1917)
Bebo Valdés, pianista e compositore cubano (n. 1918)
Ray Manzarek, pianista statunitense (n. 1939)
George Duke, pianista, tastierista e produttore discografico statunitense (n. 1946)
Cedar Walton, pianista e compositore statunitense (n. 1934)
Roger LaVern, musicista britannico (n. 1938)
Pino Massara, musicista, compositore e produttore discografico italiano (n. 1931)
J.J. Cale, cantautore e musicista statunitense (n. 1938)
Pete Haycock, musicista e compositore britannico (n. 1951)
Yusef Lateef, musicista e compositore statunitense (n. 1920)
Enzo Jannacci, cantautore, cabarettista e attore italiano (n. 1935)
Franco Califano, cantautore, paroliere e produttore discografico italiano (n. 1938)
Piero Finà, cantautore e scrittore italiano (n. 1942)
Corrado Castellari, cantautore e compositore italiano (n. 1945)
Gipo Farassino, cantautore, attore e politico italiano (n. 1934)
Tony Sheridan, cantautore e chitarrista britannico (n. 1940)
Kevin Ayers, cantautore, chitarrista e bassista inglese (n. 1944)
Peter Banks, chitarrista britannico (n. 1947)
Jackie Lomax, cantante e chitarrista britannico (n. 1944)
Oscar Castro-Neves, chitarrista, arrangiatore e compositore brasiliano (n. 1940)
Philip Chevron, chitarrista e cantante irlandese (n. 1957)
Lou Reed, cantautore, chitarrista e poeta statunitense (n. 1942)
Jim Hall, chitarrista statunitense (n. 1930)
Roberto Ciotti, chitarrista italiano (n. 1953)
Claudio Rocchi, cantautore, bassista e conduttore radiofonico italiano (n. 1951)
Jimmy Fontana, cantautore, contrabbassista e attore italiano (n. 1934)
Nic Potter, bassista britannico (n. 1951)
Trevor Bolder, bassista britannico (n. 1950)
George Gruntz, tastierista e compositore svizzero (n. 1932)
Donald Byrd, trombettista statunitense (n. 1932)

Partiti nel 2014
Dennis Frederiksen, cantante statunitense (n. 1951)
Shirley Temple, attrice, cantante e ballerina statunitense (n. 1928)
Freak Antoni, cantautore, scrittore e poeta italiano (n. 1954)
Francesco Di Giacomo, cantante italiano (n. 1947)
Massimo Castellina, fisarmonicista e cantante italiano (n. 1970)
Bambi Fossati, cantante, compositore e chitarrista italiano (n. 1949)
Gerry Goffin, paroliere e cantante statunitense (n. 1939)
Horace Silver, pianista e compositore statunitense (n. 1928)
Johnny Winter, chitarrista e cantante statunitense (n. 1944)
Dick Wagner, chitarrista e cantante statunitense (n. 1942)
Peret, cantante spagnolo (n. 1935)
John Gustafson, bassista e cantante britannico (n. 1942)
Tim Hauser, cantante, produttore discografico e arrangiatore statunitense (n. 1941)
Jack Bruce, musicista, compositore e cantante scozzese (n. 1943)
Jimmy Ruffin, cantante statunitense (n. 1936)
Alfredo Cohen, cantante e attore italiano (n. 1942)
Bobby Keys, sassofonista statunitense (n. 1943)
Udo Jürgens, cantante austriaco (n. 1934)
Joe Cocker, cantante britannico (n. 1944)
Carlo Bergonzi, tenore italiano (n. 1924)
Alessandro Centofanti, musicista, tastierista e pianista italiano (n. 1952)
Mango, cantautore, musicista e scrittore italiano (n. 1954)
Joe Lala, attore, doppiatore e musicista statunitense (n. 1947)
Giorgio Gaslini, compositore, direttore d’orchestra e pianista italiano (n. 1929)
Joe Sample, pianista e compositore statunitense (n. 1939)
Renato Sellani, pianista italiano (n. 1926)
Davide Santorsola, pianista e compositore italiano (n. 1961)
Jesse Winchester, cantautore e musicista statunitense (n. 1944)
Gennaro Petrone, musicista e compositore italiano (n. 1958)
Bruno Aragosti, musicista e arrangiatore italiano (n. 1924)
Mario Costalonga, musicista italiano (n. 1932)
Bobby Womack, cantautore e chitarrista statunitense (n. 1944)
Manitas de Plata, chitarrista francese (n. 1921)
Ronny Jordan, chitarrista britannico (n. 1962)
Paco de Lucía, chitarrista e compositore spagnolo (n. 1947)
Pete Seeger, cantautore e compositore statunitense (n. 1919)
Aldo Donati, cantautore, attore e conduttore televisivo italiano (n. 1947)
Bob Crewe, cantautore e produttore discografico statunitense (n. 1931)
Ian McLagan, tastierista, polistrumentista e cantautore britannico (n. 1945)
Charlie Haden, contrabbassista statunitense (n. 1937)
Glenn Cornick, bassista britannico (n. 1947)
Kenny Wheeler, trombettista e compositore canadese (n. 1930)
Paul Horn, flautista e sassofonista statunitense (n. 1930)

Partiti nel 2015
Kim Fowley, cantante, musicista e produttore discografico
Edgar Froese, musicista tedesco (n. 1944)
Percy Sledge, musicista e cantante statunitense (n. 1940)
James Last, musicista, compositore e direttore d’orchestra tedesco (n. 1929)
Dieter Moebius, musicista svizzero (n. 1944)
Giancarlo Golzi, batterista, musicista e paroliere italiano (n. 1952)
Allen Toussaint, musicista, compositore e produttore discografico statunitense (n. 1938)
Lemmy Kilmister, cantante, musicista e compositore britannico (n. 1945)
 B.B. King, chitarrista e cantante statunitense (n. 1925)
Marco Tamburini, trombettista e compositore italiano (n. 1959)
Anna Marchetti, cantante italiana (n. 1945)
Jim Diamond, cantante britannico (n. 1951)
Franzl Lang, cantante tedesco (n. 1930)
Natalie Cole, cantante statunitense (n. 1950)
Demis Roussos, cantante e bassista greco (n. 1946)
Maurizio Arcieri, cantante, attore e compositore italiano (n. 1942)
Marisa Del Frate, cantante, attrice e showgirl italiana (n. 1931)
Steve Strange, cantante britannico (n. 1959)
Inezita Barroso, cantante, attrice e compositrice brasiliana (n. 1925)
Daevid Allen, chitarrista, cantante e compositore australiano (n. 1938)
Rodolfo Maltese, chitarrista, trombettista e compositore italiano (n. 1947)
Pino Daniele, cantautore e chitarrista italiano (n. 1955)
John Renbourn, chitarrista e compositore britannico (n. 1944)
Chris Squire, bassista britannico (n. 1948)
Mike Porcaro, bassista statunitense (n. 1955)
Andy Fraser, bassista inglese (n. 1952)
Louis Johnson, bassista e produttore discografico statunitense (n. 1955)
Ben E. King, cantautore statunitense (n. 1938)
John Trudell, attivista, cantautore e attore statunitense (n. 1946)
Andraé Crouch, compositore, cantautore e produttore discografico statunitense (n. 1942)
John Taylor, pianista e compositore britannico (n. 1942)
Aldo Ciccolini, pianista italiano (n. 1925)
Ornette Coleman, sassofonista e compositore statunitense (n. 1930)
Phil Woods, sassofonista statunitense (n. 1931)
Steve Mackay, sassofonista statunitense (n. 1949)
Clark Terry, trombettista e compositore statunitense (n. 1920)

Partiti nel 2016
Vanity, cantante, attrice e modella canadese (n. 1959)
Michel Delpech, cantante francese (n. 1946)
Black, cantante britannico (n. 1962)
Paul Kantner, cantante statunitense (n. 1941)
David Bowie, cantautore, polistrumentista e attore inglese (n. 1947)
Giorgio Gomelsky, imprenditore, produttore discografico e compositore georgiano (n. 1934)
Glenn Frey, cantautore, musicista e attore statunitense (n. 1948)
Maurice White, cantautore, musicista e produttore discografico statunitense (n. 1941)
Naná Vasconcelos, musicista brasiliano (n. 1944)
Keith Emerson, tastierista, pianista e compositore britannico (n. 1944)
Paul Bley, pianista canadese (n. 1932) (continua)

Aperitivo In Concerto: 31ª stagione/1

logo_014_015_internalNato come appuntamento di musica classica sul modello mitteleuropeo del concerto mattutino prima di pranzo, Aperitivo in Concerto nel giro di pochi anni si è trasformato in una delle rassegne più originali e interessanti della stagione jazz presentando ogni volta musicisti, band, orchestre che solitamente non hanno una grande visibilità in Europa e in Italia e che rappresentano uno sguardo altrove rispetto alla scena musicale che abbiamo sotto gli occhi abitualmente in concerti e festival.
Alla trentunesima stagione Aperitivo in Concerto non smentisce questa peculiarità e propone undici eventi da autunno a primavera di cui due prime Europee e nove prime o uniche date italiane.
Il filo rosso che unisce i concerti è ancora una volta la diaspora o, per meglio dire, le diaspore, segnatamente quella ebraica e quella africana, che, hanno gettato semi in ogni parte del mondo e rappresentano le più feconde fonti di ispirazione culturale e sociale rispetto a ogni espressione musicale di cui abbiamo conoscenza oggi a fronte dei drammi Yemen bluese delle tragedie che le hanno causate.
Si comincia domenica 8 novembre con Yemen Blues, la formazione del cantante israeliano di origini yemenite Ravid Kahalani, per la prima volta in Italia, che fonde nella sua musica elementi arabi, ebraici, ritmi africani, caraibici, jazz, funky, in un sincretismo che bene rappresenta la volontà e il messaggio di dialogo e fratellanza di cui si fa latore col suo straordinario gruppo.

KlezmersonIl 15 novembre si potrà ascoltare l’effetto della diaspora ebraica in Messico, dove i marrani (gli ebrei sefarditi convertiti a forza dalla cattolicissima corona spagnola, ma rimasti fedeli in privato alla propria tradizione religiosa) emigrarono nel corso dei secoli e trasmisero musiche e tradizioni. I Klezmerson hanno eredito quel retaggio e l’hanno aggiornato mescolandolo a jazz, rock e funk, utilizzando strumenti moderni e della tradizione nord e latinoamericana, come il dobro e la chitarra huapango. Eseguiranno musiche che John Zorn ha scritto appositamente per loro nella serie Book Of Angels. Prima europea e unica data italiana.

Marc Ribot 22 novIl 22 novembre arriva Marc Ribot, lo straordinario chitarrista di Newark collaboratore di Tom Waits, Lounge Lizards, John Zorn, Mike Patton e autore di interessantissime riletture della tradizione blues, cubana e rock, nonché strumentista originale e innovativo. Questa volta si presenta in quartetto con una sezione d’archi per proporre una rivisitazione del cosiddetto Philly Sound, quel filone derivato dal soul e dal funky che negli anni Settanta ebbe le sue punte di diamante nei MFSB e in autori come Kenny Gamble e Leon Huff. Marc Ribot and The Young Philadelphians sarà l’unica data italiana per il momento.

Roger Kellaway 29 novPiù inserito nella tradizione e nello star-system americano è Roger Kellaway, pianista e compositore, che si esibisce il 29 novembre. Ha lavorato molto nel cinema, ha ottenuto la nomination all’Oscar per la colonna sonora di È Nata Una Stella, già collaboratore di musicisti molto diversi tra loro come Sonny Rollins, Van Morrison, Liza Minneli, Oliver Nelson, Barbra Streisand, Carmen McRae, Sonny Stitt, Quincy Jones, Yo-Yo Ma, rivelerà al pianoforte la sua conoscenza enciclopedica del grande song-book americano con doti di intrattenitore raffinato e grande strumentista. Anche per Kellaway sarà il primo e unico appuntamento italiano

CatherineRussell4 13 dicConcluderà la prima parte della stagione il tradizionale concerto prenatalizio il 13 dicembre con la cantante Catherine Russell. Figlia d’arte — sua madre era Carline Ray, contrabbassista di Mary Lou Williams, il padre Luis Russell, a lungo direttore dell’orchestra di Louis Armstrong — partner vocale in concerti e produzioni discografiche di David Bowie, la Russell è specializzata nel repertorio afro-americano degli anni Venti e Trenta e ci offrirà una panoramica della cosiddetta swing-era dal punto di vista di Harlem. Uno sguardo altrove, quindi, ma anche “da” altrove. Prima e unica data italiana. (continua)

Giulio Cancelliere

Tinariwen: nuovo disco e tour

image002È stato pubblicato Emmaar il nuovo album dei Tinariwen: collettivo di musicisti tuareg del Mali.
Dopo il grande successo di Tassili”, vincitore di un Grammy e registrato nel deserto algerino con l’aiuto di Nels Cline, Tunde  Adebimpe e Kyp Malone (TV On The Radio), anche Emmaar è stato registrato nel deserto, ma questa volta in quello californiano di Joshua Tree con l’aiuto di artisti di varia origine e formazione come Josh Klinghoffer, (Red Hot Chili Peppers), Matt Sweeney  (Chavez), Fats Kaplin senza dimenticare il visionario Saul Williams.
Tinariwen hanno creato un nuovo piccolo capolavoro di blues afro-psichedelico. Il gruppo, ha girato il mondo come headliner in vari importanti festival tra cui il Eurockéennes de Belfort in Francia, Glastonbury nel Regno Unito e Coachella negli Stati Uniti.
I loro album Aman Iman (2007) e Imidiwan (2009) Tassili (2012) sono stati elogiati dai media e hanno attirato le attenzioni di Robert Plant, Elvis Costello, Thom Yorke, Brian Eno e Carlos Santana. Tuttavia questo riconoscimento universale non ha alterato l’essenza o lo spirito del loro stile musicale, che mescola il suono amaro di chitarre appuntite con l’approccio spesso panteistico della poesia lirica e che celebra l’unione sacra tra un popolo e il loro ambiente, riflesso in dolorose circostanze collettive.

Tinariwen saranno in Italia per questi concerti:
1 marzo     Milano – Magnolia
2 marzo    Como    – Teatro Sociale

Purtroppo ai due evemti italiani Ibrahim Ag Alhabib non presenzierà.
Questa la dichiarazione rilasciata in merito:

“we have the news that Ibrahim Ag Alhabib has chosen to stay with his people in the desert and not come on tour with Tinariwen to Europe, at least not before summer 2014. For both personal reasons and the complicated situation that continues in his country.
Tinariwen are into another phase of their career.  A new version is moving forward, with Eyadou Ag Leche the bass player as the musical director, and a dynamic new show. A new guitarist and singer (Yad Abderrahmane) is joining the band, who will sing Ibrahim’s songs from the forthcoming record as well as some of the old ones. He is very charismatic, young and good-looking. The show will feature more of the band members as lead singers, alternating every 2/3 songs, so giving great variety.
Tinariwen have always operated a squad system, and never toured with exactly the same line-up, not in the 1990s, nor since. Should Ibrahim come on later tours he will be an addition, not a replacement”

Giulio Cancelliere

20 aprile: Record Store Day

Logo

Il 20 di Aprile 2013 si celebra il Record Store Day, quest’anno giunto alla settima edizione e con Jack White (White Stripes) come testimonial.
Il Record Store Day è la giornata mondiale dedicata ai negozi di dischi, nata negli Stati Uniti con lo scopo di preservare il loro valore culturale e sociale, festeggiata con centinaia di pubblicazioni di cd e vinili in edizione limitata, performance di artisti, incontri con i fan, mostre d’arte e proiezioni di film.
RecordsPer la prima volta in Italia arriva un’iniziativa ‘ufficiale’ che unisce idealmente Milano, Firenze,
Bologna, Torino e Roma, città storicamente molto ‘attive’ in campo musicale. All’interno di alcune
location anche culturalmente diverse fra loro, come un teatro, un auditorium, una cineteca, un club
ed un centro sociale, il focus ‘comune’ è rappresentato dalla proiezione di ‘Last Shop Standing’, il
‘film ufficiale’ del Record Store Day di quest’anno.
‘Last Shop Standing – The Rise, Fall and Rebirth of the Independent Record Shop’ di Pip Piper, ispirato dal libro omonimo di Graham Jones, traccia la rapida ascesa dei negozi di dischi negli anni ’60, ’70 e ’80, dalla nascita del rock’n’roll sino al punk, l’influenza delle charts musicali sulle vendite dei dischi, la nascita del CD e quella delle nuove tecnologie digitali. Testimoni eccellenti sono musicisti come Paul Weller, Billy Bragg, Johnny Marr degli Smiths, Norman Cook, Nerina Pallot, Richard Hawley e Clint Boon, anche un leader dell’industria discografica come Tony Wadsworth, storico boss della Emi inglese e adesso portavoce della Bpi, ma soprattutto loro, gli eroici proprietari dei negozi di dischi inglesi (una straordinaria varietà di caratteristi, tra l’altro). Tutti concordi a testimoniare l’importanza di quel luogo come parte insostituibile della propria adolescenza ed educazione musicale, un avamposto sociale unico
imprescindibile, un crocevia fondamentale per scoprire nuove band, un centro di aggregazione giovanile. E molto altro ancora.
Più che una celebrazione ‘vintage’ e nostalgica però, ‘Last Shop Standing’ getta uno sguardo allettante verso il futuro, sui nuovi negozi di dischi che ancora nascono, è una testimonianza sulla tenacia di coloro che ancora resistono e che intendono rimanere ‘vivi ed orgogliosi’, anche molto tempo dopo la chiusura degli ultimi chain stores musicali.

logo 2
Milano – Teatro Dal Verme
http://www.dalverme.org
Firenze – Auditorium Flog
http://www.flog-online.com
Bologna – Cineteca
http://www.cinetecadibologna.it
Roma – Brancaleone
http://www.brancaleone.it
Torino – Astoria
http://www.astoria-studios.com
Per gli eventi collaterali delle singole location potete fare riferimento ai loro siti.
http://www.recordstoreday.com http://www.lastshopstanding.com

Intervista con Davide Borra (Kachupa)

01_FOTO Kachupa_bIn tempi di globalizzazione consolidata non sorprende più una band che mette assieme melodie del bacino mediterraneo con ritmi balcanici, rumba africana, afrori caraibici e canti occitani, ma Kachupa ha una storia del tutto particolare, a partire dalla sua origine gastronomica: Kachupa, infatti, è una zuppa tipica di Capo Verde fatta di verdura, frutta, legumi, cereali e pesce, ingredienti poveri, ma nutrienti, che forniscono l’energia vitale che anima questa band. Ho chiesto a Davide Borra, fisarmonicista e fondatore della band, di raccontarmi la storia di Kachupa, formazione che ha già un disco alle spalle, Gabrovo Express, del 2006, pluripremiato, e ora sta pubblicando Terzo Binario, un cofanetto che comprende un CD e un libro col patrocinio di Slow Food.
“Nasce tutto da un mio viaggio in Africa. All’epoca lavoravo con gli altri musicisti in un gruppo teatrale e la sensazione di libertà, armonia, gioia di vivere che provai suonando la fisarmonica su queste immense spiagge dell’arcipelago di Capo Verde mangiando Kachupa, mi spinse, al mio ritorno, a chiedere agli altri ragazzi di metter assieme un’orchestra per suonare una musica che sintetizzasse queste sensazioni, ma soprattutto, che fosse una musica semplice come la Kachupa, povera, di strada, che tutti potessero recepire.”
E siete diventati una band di strada vera e propria.
“Infatti: la strada è diventata la nostra sala prove, dove capivamo cosa piaceva alla gente, cosa gradiva di più, cosa la entusiasmava.”
Giravate con un carro come le antiche compagnie di teatranti.
“Abbiamo adattato un vecchio carro di un mio prozio a palcoscenico, aggiungendovi una mantovana, colorandolo in rosso, giallo e blu, come un circo, su cui montavamo la batteria, o meglio, la grancassa, perché gli altri tamburi erano in realtà pentolame, forme di budini e tutta quanto si può percuotere, anche questi coloratissimi, un apparato che attirava subito l’attenzione della gente che si fermava ad ascoltarci.”
E dove giravate?
“Abbiamo girato molto in Francia, tutta la Costa Azzurra, sino a Marsiglia. E poi in Italia, soprattutto al sud, tra Puglia e Calabria.”
Dove tra l’altro ci sono antiche comunità occitane, come nelle valli della tua terra in provincia di Cuneo.
02_FOTO Kachupa_b“Certo, l’estate scorsa vicino a Barletta abbiamo incontrato una scuola di danze occitane, con dei ballerini bravissimi.”
Voi siete nati sette-otto ani fa e nel frattempo sono nate anche altre formazioni che sfruttano questa formula che si riassume sbrigativamente con il termine patchanka, ognuna con la sua caratteristica peculiare. Qual è il vostro punto di forza che vi differenzia dalle altre?
“Credo la nostra cantante Lidiya Koycheva, è bulgara e ha una gran voce. Inoltre utilizziamo anche strumenti elettronici, inseriamo nella nostra musica elementi rock, non ci poniamo alcun limite.”
Questo fenomeno di riscoperta della musica folk ha delle analogie con ciò che accadde negli anni Settanta con formazioni quali Nuova Compagnia Di Canto Popolare, Carnascialia, Canzoniere del Lazio, anche Premiata Forneria Marconi per certi versi, anche se su un fronte più prog. Come la spieghi?
“Io credo che sia una reazione all’omologazione imperante: esiste un modello, quello radiofonico imposto dalle major, che pone dei confini alla creatività, anche se molti musicisti vi si adeguano. Altri, invece, decidono di provare altre strade, molto più larghe e spaziose, dove si può provare a rileggere ciò che è stato in passato, con una visione nuova, seguendo quel che pulsa nel cuore.”
COVER_TERZO BINARIO_Kachupa_bOra però anche voi avete fatto dei dischi e qualche condizionamento, qualche compressione l’avrete subita?
“Sì, ma solo fino a un certo punto. Nei dischi abbiamo messo i pezzi che abbiamo scritto e che per anni abbiamo suonato per strada. Li abbiamo arrangiati in modo da dare una veste più rock, se vuoi più moderna e fruibile per un CD, ma stiamo lavorando anche a un progetto più sperimentale basato su suoni e vocalizzi molto free. Comunque nessuno ci ha imposto niente. È tutta roba nostra, genuina e spontanea.”
Il disco esce con un libro che racconta la vostra storia. Come mai?
“L’idea del libro nasce dall’esigenza di raccontare ciò che si muove dietro e attorno alla nostra musica, ma anche una storia che ha qualcosa di straordinario e vuole essere un incoraggiamento per chi non vuole omologarsi a perseguire la propria  idea crativa. La vicenda di Kachupa è emblematica.”
E Slow Food cosa c’entra?
“Carlin Petrini, patron di Slow Food, ci ha spinto a scrivere il libro e ne ha scritto la prefazione. Noi crediamo nella biodiversità, sia nel cibo, sia nella musica, non per niente siamo Kachupa.”
Suonate ancora per strada?
“Qualche volta.”

Giulio Cancelliere

Un sonoro saluto al 2012

Desidero chiudere il secondo anno di Silenziosa(mente) segnalandovi una serie di dischi jazz e dintorni, che, per vari motivi, meritano attenzione. Anche quando non sono realmente “bei” dischi, segnano comunque un fermento creativo sorprendente che percorre la penisola da nord a sud e viceversa, isole comprese. Magari alcuni di questi nomi vi diranno poco e, ripeto, il loro lavoro discografico, in molti casi autoprodotto come si usa oggi, difficilmente resterà nella storia, ma si tratta in ogni caso di musicisti che vale la pena vedere almeno dal vivo e che si avventurano a cercare una strada alternativa poco battuta. Convinto come sono che la creatività sporca le mani e confortato dalle parole del poeta che cantava “dai diamanti non nasce niente…”, li trovo apprezzabili almeno per questo motivo.
copertina Minianimali - versione def - 001Dalla Sicilia arriva Lino Costa, chitarrista a lungo militante nell’eterogeneo gruppo Tinturia, che col suo Hypnotic Trio formula un jazz venato di folk e rock, tango, rumba e blues. Ha inciso per la neonata etichetta 4MIQE un album, Minimianimali, interessante per le sonorità che mescola tra chitarre acustiche ed elettriche, jew’s harp (in italiano scacciapensieri, in siciliano marranzanu), basso e batteria, con ospiti piano e sax. Vivace.
cover-machine-head-webDel Machine Head 4tet colpisce per cominciare la formazione “pianoless” (i pianisti, fortemente in ribasso ultimamente, troppi e disoccupati, forse per questo, reietti, suonano spesso da soli) costituita da basso, batteria, sax e trombone, integrati da un discreto utilizzo di effetti elettronici, campionamenti, sequenze. L’impronta funk-bop li ha posti all’attenzione dell’etichetta Groove Master Edition, che ha prodotto questo Fuori Dal Chorus: otto brani originali e una rilettura singolare di Donna Lee. Curioso.
disabaruggieriL’unità d’Italia si declina anche attraverso le canzoni, a cominciare dalla marcetta di Novaro, passando per Caruso, Azzurro, Margherita, Morricone e Rota, Carpi e Migliacci, Panzeri e Modugno fino all’inno abruzzese Vola Vola Vola. Il fisarmonicista Renzo Ruggieri compila un elenco di Inni D’Italia che uniscono la penisola sotto il segno della melodia coniugata al jazz assieme al bravo Paolo Di Sabatino, pianista versatile e raffinato, e ai grandi autori che hanno fatto la storia della nostra canzone. Patriottico.
narcetecoverIl connubio tra jazz e poesia si ricompone in Narcéte, un lavoro frutto della collaborazione tra la scrittrice Erika Dagnino, non nuova a simili esperienze, e i musicisti Stefano Pastor, Sam Waterman e George Haslam. La parola (in inglese, ma il libretto riporta la traduzione) si aggancia alle musiche e viene trascinata in un vortice sonoro che ne trasfigura senso, ritmo, prosodia. Suoni puntuti e urticanti accompagnano l’ascolto in un percorso non facile, ma in cui, nel giusto stato d’animo, ci si può abbandonare. Inquieto.
CrashDa qualche tempo i chitarristi stanno superando per numero i pianisti (forse per via della comodità di trasporto e maneggevolezza dello strumento in tempo di crisi) e sono prodighi di registrazioni: Dario Volpi, trevigiano costruisce il suo The Second Crash, assieme a Otello Savoia al basso e Franco Del Monego alla batteria, seguendo linee improvvisative alquanto spontanee e sull’onda del mood momentaneo. Umoroso.
profiloAnche gli Amanita Jazz, calabresi, scelgono la forma del trio chitarra-basso-batteria (Raul Gagliardi, Carlo Cimino, Maurizio Mirabelli) per il loro album d’esordio, Gente A Sud, perseguendo traiettorie più tradizionali e rassicuranti, al di là della velenosità del nome scelto. Swing-folk.

KyraPietro Ballestrero illustra un punto di vista differente con il suo Kyra, più orientato sulla composizione e sulla qualità del suono. D’altra parte si è affidato alle cure di Marco Lincetto e alla sua Velut Luna per ottenere il massimo. Un quintetto d’archi e il clarinetto di Gabriele Mirabassi disegnano, assieme alle chitarre del leader, undici ambienti sonori di pregevole fattura. Cameristico.
Peo alfonsiPeo Alfonsi, che spesso vediamo al fianco di Al Di Meola durante i suoi tour italiani e internazionali, pubblica il suo secondo album per Egea, Il Velo Di Iside, ancora una volta ispirato ad un mito mediterraneo — come il precedente Itaca — che lo connota sotto il profilo sonoro, della composizione e della prospettiva culturale. Il chitarrista firma tutte le composizioni che affida ai legni, agli ottoni, agli archi, alle voci e alle percussioni di Gabriele Mirabassi, Kyle Gregory, Salvatore Maiore, Francesco Sotgiu, Fausto Beccalossi, Maria Vicentini. Emozionante.
CasagrandeTra le nuove generazioni di chitarristi si mettono in luce ultimamente Francesco Diodati, di cui mi occuperò più ampiamente in un altro articolo-intervista, e Federico Casagrande, ormai di stanza a Parigi dove ha registrato il suo ultimo lavoro a proprio nome, The Ancient Battle Of The Invisible. È un disco complesso, sia per l’articolazione delle composizioni, sia per l’attenzione che richiede la sonorità stessa dell’album, molto calda e rotonda, costruita sulle timbriche soffici della Telecaster (talvolta “preparata”) del leader e la fluidità del vibrafono di Jeff Davis, intercalate dalle ritmiche di Simon Tailleu e Gautier Garrigue. Tortuoso.
lmalaguti2012Lanfranco Malaguti, per gli appassionati di jazz, non ha bisogno di presentazioni, è uno dei più importanti e originali chitarristi italiani, ha all’attivo decine di incisioni come leader e partner e il graffio della sua chitarra segna il suono di questo Galaxies, sorta di portfolio musicale ispirato a undici strabilianti immagini scattate nello spazio profondo dal telescopio Hubble. Il quartetto, completato da Nicola Fazzini ai sax, Massimo de Mattia al flauto e Luca Colussi alla batteria, asseconda il leader con leggerezza e senso dell’avventura. Esplorativo.
Cover new.cdrTornando sulla terra, il duo Luigi Tessarollo-Roberto Taufic ci riporta a un clima mediterraneo, tra classica e jazz, tra suono acustico ed elettrico, tra Europa e Latinoamerica. Sono due ottimi musicisti e il loro Painting With Strings è un modello di classe, raffinatezza, pulizia di suono. Standard come Cherokee e Stella By Starlight si alternano a composizioni originali, per ritrovarsi nella passione di Besame Mucho. Poetico
1335966301694Copia_di_bebo_ferra_-_specs_peopleBebo Ferra, che da qualche anno si è votato quasi esclusivamente alla chitarra elettrica, dopo che Paolo Fresu l’ha voluto nel suo Devil Quartet, ha licenziato Specs People, un viaggio ispirato alle sue passioni giovanili pre-jazz, tra rock, progressive, letteratura e storia. L’unica cover, peraltro alquanto stravolta, è la rollingstoniana Satisfaction, ma il trio chitarra-organo-batteria offre suggestioni a pioggia per chi c’era e per chi avrebbe voluto e può solo immaginare. Psichedelico.
cover-discoRoberto Fabbri è considerato la nuova star della chitarra classica, tanto da meritarsi un contratto Sony e la partecipazione ai più prestigiosi festival. In realtà di classico c’è soprattutto lo strumento, mentre la musica ricalca forme abbastanza moderne, se così si può dire,mutuate dalla canzone: composizioni brevi, orecchiabili, arrangiate per sole chitarre e, in qualche caso, con quartetto d’archi. Nei Tuoi Occhi non appassionerà il pubblico degli addetti ai lavori, ma l’ascolto è piacevole e Fabbri è bravo. Facile.
PaternesiPassando ai batteristi, altra categoria spesso snobbata dal punto di vista della composizione e leadership, Alessandro Paternesi è senz’altro uno dei giovani più brillanti tra i tamburi: colto, preparato, si circonda di coetanei creativi come lui, come Diodati, Gabriele Evangelista, Simone La Maida ed Enrico Zanisi (fresco di Top Jazz) per una musica che coglie suggestioni dall’urban jazz americano, solido, frenetico, ma anche da una poetica tutta europea che ne stempera le spigolosità troppo accese. Dedicato è il suo esordio da solista col P.O.V. Quintet. Innovativo.
600x600Anche Fabrizio Sferra, macchina ritmica di lungo corso, ama contornarsi di figure emergenti e per il suo Untitled #28 ha chiamato Giovanni Guidi, Dan Kinzelman, e Joe Rehmer, cui lascia molto spazio per la costruzione delle sue  composizioni, basate su temi spesso dilatati, architetture ritmiche complesse (come poteva essere altrimenti?) e per le improvvisazioni collettive che si aprono qua e là. Meditativo.
fraboni_thisismymusic_1351094671La perentoria dichiarazione This Is My Music lascia poco spazio ai fraintendimenti. Matteo Fraboni è andato a New York per incidere questo suo disco d’esordio e si sente. La musica rievoca quella atmosfera nervosa e turbolenta, tra sax tenore e contralto (gli ottimi George Garzone e Logan Richardson), piano elettrico ed acustico  (Arvan Ortiz, dinamico e fantasioso) e il solido Rashaan Carter al contrabbasso, che si è fatto le ossa con Roy Hargrove, Stefon Harris, Gary Thomas e Wallace Roney. Urbano.
Never+Odd+or+EvenIl batterista Ferdinando Faraò lascia per una volta il posto tra i tamburi per sistemarsi sul podio della imponente Artchipel Orchestra e rendere omaggio ad una stagione di jazz-rock britannico misconosciuta ai più — non ebbe l’esposizione di quello americano — ma ricca di stimoli creativi per niente datati. Never Odd Or Even propone composizioni tratte da un vecchio progetto del pianista Mike Westbrook, dei National Health e di Fred Frith si susseguono in una proiezione in bianco e nero di quegli anni Settanta, che, tra luci ed ombre, sono stati il decennio culturalmente più significativo del secondo dopoguerra. Sontuoso.
scorribanda_copertinaScorribanda è il terzo lavoro di BandOrkestra.55, la compagine condotta dall’ eclettico sassofonista friulano Marco Castelli, che attraversa generi e Paesi, tradizioni e tendenze con una disinvoltura invidiabile. Qui la troviamo alle prese con standard jazz quali Lullaby Of Birdland, Stolen Moments e I Got Rhythm,, musica da film come Baby Elephant Walk, classici del pop come Day Tripper, Suite: Judy Blue Eyes e Billie Jean, coniugandoli nei tempi e modi swing, ska, reggae, latin, boogie, electro-pop, rimescolando tutto e spingendo sempre un po’ più in là il confine della musica da big band. Trascinante.
una-bella-serataIn scala più piccola, è un sestetto, e utilizzando soprattutto materiale originale, anche gli Ottavo Richter cercano di riformulare il repertorio per “banda”, anche se la loro ha le caratteristiche itineranti di una marching band stanziale. Una Bella Serata è il loro ultimo lavoro, che vede tra gli ospiti Gianluigi Carlone della Banda Osiris e il giornalista Antonio Di Bella, dalle note passioni canore. Piacevole. Ed infine a volo d’uccello: 516-alderighiPaolo Alderighi, brillante pianista cristallizzato Naked-Truth-Ouroborossulla tradizione  jazz che padroneggia come nessun altro in Italia e il suo nuovo Piano Solo; i Naked Truth di Lorenzo Feliciati e il nuovo lavoro Ouroboros, un po’ troppo roboante rispetto al precedente ; Giuseppe Del Re, cantante pugliese bravo, intonato, fin troppo preciso, fino ad essere didascalico col suo Giuseppe_Del_Re_Gateway_to_Life-592x592Gateway To Life; Susanna Stivali, per Piani/Diversi si affida a cinque 198717_4632514139717_1744411416_ndifferenti pianisti per accompagnare le sue divagazioni vocali, talvolta borderline; Cristina Zavalloni e la Donna Di Cristallo non lasciano mai indifferenti, ma l’approccio avventuroso della eccellente cantante e compositrice bolognese è spesso inquietante; la rossa Antonella zavalloni-christina-la-donna-di-cristalloCatanese coraggiosamente cerca di redinsidescrivere jazz in italiano e si contorna di ottimi partner come Giovanni Mazzarino, curatore anche degli arrangiamenti, Dino Rubino, Max Ionata, Riccardo Fioravanti, Giuseppe Mirabella, Nicola Angelucci, anche se il risultato di Red Inside è francamente Stop-the-Time-JUST-DUETmonocorde; Just Duet è il nome scelto da Laura Battel e Francesco Tizianel per unirsi artisticamente e accreditarsi con Stop The Time come i Tuck & Patti italiani, facendosi persino co-produrre  dal celebre duo americano. Bravi, senza dubbio, graziosi e amabili come i loro mentori, ma il confronto, anche senza volerlo, è imposto dalle circostanze.

Giulio Cancelliere

Intervista con Randolph Matthews

8.2 r“Avevo sette anni e ricordo che un giorno, seduto nella mia stanza, avevo un sacco di musica che mi girava per la testa. Così presi due registratori a cassetta e cominciai a sovrapporre registrazioni dei motivi che mi passavano per la mente. In realtà era solo un gioco e per molti anni non pensai al canto e alla musica in senso creativo. A diciassette anni qualcuno mi sentì cantare pezzi di Marvin Gaye, Peabo Bryson, Lionel Ritchie, Bob Marley e mi consigliò di prendere lezioni e indirizzare meglio quello che lui pensava fosse un talento. Così frequentai insegnanti, seminari e compresi che potevo mettere a frutto questa mia inclinazione. A ventuno anni cominciai a cantare in numerose band, a fare molti spettacoli nei club, ad accompagnare artisti americani ed europei che passavano per Londra, mentre, nel frattempo, lasciai la società di telecomunicazioni per la quale lavoravo, perché sapevo che non sarebbe stata quella la mia strada. Nel 2006 iniziai ad esibirmi da solo e il risultato, per ora, sono centinaia di concerti e due album. L’ultimo è Precious, che contiene le mie esplorazioni musicali più recenti. Questo il mio viaggio nella musica fino a qui.”
Così mi risponde Randolph Matthews quando gli chiedo di raccontarmi brevemente la sua storia, in occasione del suo concerto a Milano qualche settimana fa assieme al chitarrista Alessandro Diaferio, pugliese d’origine, milanese d’adozione, ma trasferitosi a Londra, dove ha incontrato Randolph al Ronnie Scott’s, uno dei club più famosi d’Inghilterra.
Da come la racconti sembra sia stato facile.
3733972138-1“No, non è stato facile. Ho dovuto studiare tanto, cantare, provare, ricercare, esplorare le possibilità della voce per trovare il mio stile.”
In un certo senso sei un cantante soul o hai cominciato come tale. Ma cosa significa essere un cantante soul oggi?
“Soul non è necessariamente una categoria musicale. Il mio stile non deriva esclusivamente da una tradizione, ma cerco di trovare dentro di me, nella mia anima, le emozioni che poi esprimo musicalmente nel modo più personale possibile. In questo senso sono un cantante soul.”
Sei anche un chitarrista.
“Sì, anche se Alessandro suona molto meglio di me. Diciamo che la chitarra mi serve talvolta per accompagnarmi o per scrivere canzoni, anche se la composizione spesso parte da altre fonti, come una linea di basso o un ritmo di percussioni che canto nella mia testa e poi registro con la voce sulla mia loop machine e sulla quale immagino la linea melodica.”
Chi erano i tuoi eroi chitarristici?
“Hendrix, sicuramente, ma anche Wes Montgomery e George Benson, soprattutto per la sua abilità di suonare e cantare contemporaneamente i suoi licks.”
Sei autodidatta?
“Come chitarrista direi di sì, mentre come cantante ho studiato con diversi insegnanti, anche negli USA, ma, soprattutto, ho cantato molto dal vivo, confrontandomi con tanti musicisti.”
6.1 crop rRandolph è un cantante del tutto singolare, che unisce allo stile tipicamente soul, lo scat del jazz, la sperimentazione avanzata di Bobby McFerrin, influenze elettroniche ed etniche, una poetica delicata e un certo umorismo inglese, che lo rendono piuttosto unico nel panorama musicale europeo. L’utilizzo delle macchine, che sovrappongono linee melodiche e percussive in tempo reale, gli consentono di creare orchestrazioni vocali molto particolari ed evocative, soprattutto dal vivo, dove esprime al meglio la sua arte. Precious, il suo lavoro più recente, contiene dodici canzoni originali registrate quasi esclusivamente da solo e risultato della sua meravigliosa creatività.

Giulio Cancelliere