Max Greco: Manualetto di Songwriting

Per scrivere canzoni ci vuole talento, è qualcosa di innato o quasi, insito in alcuni musicisti e non in altri. C’è chi può scrivere un’intera sinfonia in quattro movimenti e lasciare a bocca aperta l’universo mondo e non essere in grado di comporre Your Song come Elton John. È come essere Dostoevskij o Hemingway: entrambi sono passati alla storia con sensibilità, stili e lettori differenti. Il talento non si impara e non si inventa, ma si può scoprire di averlo e coltivarlo. Per scrivere canzoni, dicevamo, c’è bisogno di fantasia e sentimento, capacità di sintesi e tecnica. Per i primi due elementi non c’è un negozio dove acquistarli e nemmeno una fabbrica dove ordinarli, ma la capacità di sintesi e la tecnica si possono acquisire ascoltando come sono fatte le belle canzoni oppure leggendo chi l’ha fatto per voi e ne ha dedotto i tratti essenziali. Il Manualetto di Songwriting di Max Greco (Dino Audino Editore, 95 pag., 9,90€) è una sorta di libretto di istruzioni per futuri costruttori di canzoni. In pratica, l’autore non fa altro che smontare pezzi celebri, quelli che tutti conosciamo e abbiamo amato o, comunque, che non ci hanno lasciato indifferenti, ci fa vedere come sono fatti dentro, quali elementi li compongono, perché ci hanno fatto effetto, poi li rimette insieme e ci chiede di fare la stessa cosa con altre canzoni. Infine ci chiede di costruire, con quegli stessi elementi, canzoni ex-novo per scoprire se abbiamo davvero talento come songwriter o è meglio che ci diamo al giardinaggio. In realtà, si scrivono canzoni da sempre anche senza istruzioni per l’uso,  tuttavia il manuale ci rende consapevoli della sostanza di cui sono fatti quei quattro minuti di musica in grado di cambiarci la vita o renderci migliori solo il volgere di due strofe e un ritornello. Più nel dettaglio, Max Greco parte da alcuni fondamentali tecnici di teoria musicale che dovrebbero essere in realtà già patrimonio di chi si accinge a diventare un novello John Lennon, ma diventano funzionali al linguaggio utilizzato, semplice e comprensibile per chiunque. In altre parole, il primo capitolo serve a familiarizzare e fare amicizia con l’autore, che si rivela, in effetti, simpatico, affabile e, soprattutto, chiaro. Successivamente ci si addentra nei meccanismi che muovono motivi come Vita Spericolata, Piccolo Grande Amore, Il Cielo È Sempre Più Blu, Like A Rolling Stone, Satisfaction, rivelandoci come seguano criteri, per certi versi, analoghi di costruzione melodico-armonico-emozionale. L’autore ci incoraggia a sperimentare con appositi esercizi ciò che abbiamo acquisito anche attraverso materiale audio raggiungibile sul sito dell’editore, ma anche a trasgredire le regole imparate in modo da percorrere nuove strade: l’unico metodo per diventare veramente autori originali e di successo. Nelle ultime pagine, Max Greco consiglia una discografia estremamente variegata, utile ed essenziale e letture doverose per sapere cos’è successo nel mondo della canzone nell’ultimo secolo.

Giulio Cancelliere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...